Strozzapreti con pesto calabrese e pomodorini, ricetta caratteristica dell’intera Italia Centrale.

Gli strozzapreti (o strangolapreti) sono un’antica, tipica, pasta corta da cuocere italiana, a forma di grossi cannelli lunghi un pollice e perciò non sempre agevoli da consumare (da cui il nome, che allude malignamente alla proverbiale golosità dei preti), caratteristica dell’intera Italia Centrale (soprattutto Umbria, Lazio, Marche) e anche della Romagna, assimilata in questo uso e nome perché faceva parte dello Stato Pontificio.

Citati più volte nella letteratura romanesca, ad esempio nei Sonetti di Giuseppe Gioachino Belli (La scampaggnata, 16 novembre 1834, v. 8: «strozzapreti cotti col sughillo»), gli strozzapreti nascono ovviamente come pasta da cuocere allora tipica dei giorni di festa o d’uso borghese, non essendo mai stata nessuna pasta da cuocere per tutto l’Ottocento e addirittura fino ai primi decenni del Novecento un abituale alimento contadino e neanche popolare cittadino, come oggi invece a torto si ritiene, a causa dell’alto costo del grano e delle farine di grano.

strozzapreti

La Ricetta Passo a Passo:

Leggi anche:  Le tagliatelle verdi al ragù di cinghiale sono un robusto primo piatto di origine toscana

La Ricetta.

A Bressanone la valle si allarga, qui si raccolgono le castagne e le uve più a nord dell’Alto Adige, impiegate alternativamente e in modo provetto per la preparazione di una grande varietà di dolci.

Al di sotto di Bressanone comincia la valle inferiore dell’Isarco, molto stretta ed in cui solo le pendici laterali consentono dei raccolti. Villandro e Barbiano, conosciuti per le loro dolci castagne, da cui un tempo veniva macinata anche una farina, per risparmiare il prezioso grano o la preziosa segale. Oggi con queste stesse castagne viene preparato un delizioso ripieno per i Krapfen.

Ingredienti.

per 4 persone.

Per la pasta.

300 g di strozzapreti freschi
Per il condimento
2 spicchi d’aglio
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di capperi
10 olive nere tostate
10 pomodori secchi
200 g di pomodori ciliegini
2 cucchiai di olio d’oliva extravergine
1 mazzetto di basilico
sale


Preparazione.

10′

  • Lavate i pomodori ciliegia, asciugateli, tagliateli a dadini e metteteli da parte.
  • Mettete a bollire abbondante acqua per la pasta.
  • Tritate accuratamente con un coltel­lo o in un mixer l’aglio, i pinoli, le olive, i capperi, i pomodori secchi e il basilico fre­sco.

Leggi anche:  Agnolotti alla Cavour suggeriti dalla parsimonia come piatto di recupero delle carni festive.

Cottura.

20

  • Scaldate l’olio in una padella antiaderente e fatevi saltare i pomodorini a dadini per 1 minuto.
  • Aggiungete gli altri ingredienti e mescolate a fuoco vivo.
  • Cuocete la pasta al dente, scolatela e fatela saltare in padella con il condimento.
  • Servite gli strozzapreti ben caldi.

 Quanto nutre una porzione.

305 calorie

Precedente Come preparare squisiti fusilli alle triglie con pomodori e asparagi. Successivo Ravioli di castagne, salsiccia e noci un piatto tipico della Valle dell’Isarco.

Lascia un commento

*