Ingredienti e Consigli per Preparare Reginette con Carciofi, Fave e Prosciutto Crudo.

Le Reginette sono un formato di pasta lunga, valorizzato da un’arricciatura alle estremità che resta ben delineata anche dopo la cottura.

Chiamate anche Mafaldine, in onore di Mafalda di Savoia, le Reginette rappresentano il lato raffinato della tradizione gastronomica Napoletana.

reginette_con_carciofi

 

 

La Ricetta.

Le Reginette con Carciofi, Fave e Prosciutto Crudo sono un primo piatto originale e ricercato, ma nello stesso tempo piuttosto veloce da preparare.

Ingredienti.

per 4 persone.

300 g di reginette
300 g di cuori di carciofo
(anche surgelati e scongelati)
200 g di fave (anche surgelate e scongelate)
100 g di prosciutto crudo
saporito (toscano) tagliato a fettine
4 cucchiai d’olio,
uno spicchio d’aglio
un di di brodo,
2 cucchiai di prezzemolo tritato
4 cucchiai
di pecorino stagionato a scaglie
sale
pepe.

Ingredienti e Consigli per Preparare Reginette con Carciofi, Fave e Prosciutto Crudo. Condividi il Tweet


Preparazione.

20′

  • Tagliate a spicchi i cuori dì carciofo, metteteli in una larga padella con l’olio, lo spicchio d’aglio sbuc­ciato e le fave.
  • Fate rosolare, bagnate con il brodo e lasciate stufare per 20 minuti.
Leggi anche:  Ingredienti e Consigli per preparare deliziosi taglierini con capesante.

 

Cottura.

10

  • Nel frattempo cucce­te la pasta in una pentola con acqua bollente
    salata.
  • Rosolate in un padellino antiaderente le fette di pro­sciutto, senza
    aggiunere condimento, e tenetele da parte.
  • Scolate la pasta, versatela nella padella con i carciofi e le fave e fate
    insaporire tutto insieme per qualche minuto.
  • Disponete la pasta nei piatti indi­viduali, cospargete di prezzemolo
    tritato e distribui­tevi sopra le fette di prosciutto e le scaglie di
    pecori­no.
  • Insaporite con una macinata di pepe e servite.

 

Vini consigliati.

Castelli Romani DOC bianco, Vermentino di Sardegna DOC.

castelli-romani-bianco

La produzione vitivinicola dei Castelli Romani vanta una tradizione plurisecolare grazie ad una serie di fattori dovuti al microclima, ai terreni vulcanici e all’azione mitigatrice dei laghi.

Precedente Guida alla scoperta de si sapori dei primi piatti della cucina lunigianese fusione di diverse tradizioni provenienti da regioni confinanti con forti tradizioni gastronomiche. Successivo Bavette con crema dì porri e gamberoni un primo piatto con pesce e un tocco di originalità.

Lascia un commento

*