Il Valore Nutrizionale dei Primi Piatti Tradizionali della Cucina Italiana.

Il valore nutrizionale della pasta.

E’ dall’elevato valore energetico, dal discreto contenuto in proteine (11-12%) e dalla sua digeribilita’ che derivano le sue proprieta’ nutrizionali (il suo contenuto in amido e’ del 70-75%).
Il valore calorico si aggira attorno alle 350 Kcal per 100 grammi.

Il contenuto di grassi e’ invece piuttosto modesto (meno dell’1%), cosa che permette a chi la cucina di sbizzarrirsi nella scelta dei condimenti.

La pasta contiene poche vitamine ed e’ squilibrata nel contenuto di sali minerali, dove si registra una netta prevalenza di potassio. Tuttavia l’aggiunta di altri ingredienti (carne, pesce, legumi, verdure e sughi vari) ne modifica favorevolmente il valore nutrizionale.

Queste sono le caratteristiche che hanno determinato il suo grande successo in tutto il mondo.
La pasta come dicevamo e’ ormai un prodotto “globale”, e’ la regina della dieta mediterranea prova ne e’ che in questa era di diete dimagranti, nessuno riesce a levarle lo scettro, anzi, la dieta mediterranea e’ il modello alimentare di cui il nostro Paese e’ il maggior esponente.

Pasta con asparagi e polpo.

Il Valore Nutrizionale dei Primi Piatti.

Infatti, contrariamente all’errata e diffusa opinione che la pasta faccia ingrassare, essendo il suo contenuto di grassi appena allo 0,3%. Allo stesso modo la pasta, per ogni 100 grammi fornisce 350 calorie. Quindi possiamo dire che tale valore sia ragionevole se si considera che un adulto sano necessita mediamente di 2.400 calorie al giorno e che una porzione garantisce circa il 14% di tali esigenze.

Leggi anche:  Come preparare squisiti ravioli di zucca con salsiccia e crescione.

Quindi senza ombra di dubbio la pasta si puo’ definire un alimento sano ed equilibrato.

Il valore nutrizionale della polenta.

La polenta è spesso considerata un piatto molto pesante e ricco di calorie.

In realtà la polenta ha di per sè una quantità di calorie abbastanza limitata, sicuramente inferiore a quella della pasta, ma abbastanza variabile, al contrario della pasta che ha sempre le stesse calorie per 100 g. Infatti le calorie della polenta dipendono dal grado di idratazione e quindi dalla sua consistenza: una polenta molto soda avrà più calorie di una polenta piuttosto liquida.

Tuttavia per non sbagliare basta riferirsi ai valori nutrizionali del mais di partenza, che sono sempre pari a 350 kcal per 100 g.La farina di mais e’ molto ricca di carboidrati, in particolare amido, mentre scarseggia di proteine e vitamine.

Polenta con coniglio.

Inoltre scarsa e’ la presenza delle proteine che formano il glutine, cosicche’ la farina di granoturco non e’ adatta alla panificazione, ma puo’ essere consumata da chi e’ affetto da celiachia, da intolleranze alimentari e da disturbi provocati da un malassorbimento intestinale.Per lo stesso motivo il mais puo’ essere il cereale di prima scelta nell’alimentazione dei bambini durante lo svezzamento.
Contiene : 12-13% di acqua ; 8-10% di proteine ; 1,5-2,5% di grassi ; 70-72% di carboidrati ; 0,5-1,5% di cellulosa.

Leggi anche:  Le orecchiette piccanti sono un piatto tradizionale pugliese rustico adatto per un pranzo autunnale.

Il Valore Nutrizionale del Riso.

Il riso è uno dei cereali più ricchi di amidi (oltre il 75%) e poveri di proteine (6-7%).

Le proteine del riso hanno un discreto valore biologico (vanificato dalla scarsa quantità), contengono poca prolammina e quindi rendono impossibile la formazione del glutine e la conseguente lavorazione della farina.

Risotto ai funghi.

Il contenuto di lipidi è molto basso (3% nel riso integrale, ancora meno in quello bianco), come quello in vitamine e sali minerali. Contenuti negli strati esterni che vengono asportati con la lavorazione. Il riso ha un indice di sazietà medio – basso, anche se maggiore di quello della pasta. Questo poiché, assorbendo una quantità di acqua maggiore, sviluppa un volume e un peso maggiore a parità di calorie.

Il Valore Nutrizionale dei Primi Piatti Tradizionali della Cucina Italiana. Condividi il Tweet
I minerali più importanti presenti nel riso sono: calcio, rame, ferro, manganese, magnesio, fosforo, potassio, silicio e zinco sono contenuti in buone quantità nel chicco di riso.

Leggi anche:  Ingredienti e Consigli per Preparare Delicati Garganelli al Profumo di Limone.

RISO SATIVA BRILLATO.

valori per 100 grammi:
proteine: 7 gr – carboidrati: 175,2 gr – grassi: 0,6 gr – fibre: 1,4 gr

RISO SOFFIATO.

valori per 100 grammi:
proteine: 6,1 gr – carboidrati: 179,4 gr – grassi: 0,9 gr – fibre: 1,1 gr

RISO SBRAMATO (INTEGRALE).

valori per 100 grammi:
proteine: 6,7 gr – carboidrati: 162,6 gr – grassi: 2,8 gr – fibre: 3,8 gr

RISO SBRAMATO (INTEGRALE).

valori per 100 grammi:
proteine: 6,7 gr – carboidrati: 162,6 gr – grassi: 2,8 gr – fibre: 3,8 gr

Precedente I Primi Piatti nella Cucina Internazionale, adottati in America, resi celebri in Italia. Successivo Scopri Consigli, Ingredienti, Tempi e Modalità per Preparare una Deliziosa Zuppa alla Molisana.

Un commento su “Il Valore Nutrizionale dei Primi Piatti Tradizionali della Cucina Italiana.

Lascia un commento

*